Consultations

Partecipa alla consultazione pubblica europea sui pesticidi

Completato

Periodo dei momenti salienti

  • Dal
  • al

Tempo per agire

  • Dal
  • al
  • 695 Contribuzioni

Contesto

La Commissione europea ha presentato una proposta per ridurre l'uso di pesticidi. Questo nuovo regolamento è un passo avanti, ma gli obiettivi proposti sono troppo deboli. La lobby agrochimica e alcuni Paesi cercano di renderlo ancora più debole. Ora è importante che i cittadini e le organizzazioni facciano sentire la loro voce a tutti i livelli. Dimostrate di essere a favore di una normativa sui pesticidi più forte e più ambiziosa. Vi forniamo come esempio la reazione dell'iniziativa dei cittadini salviamo api e agricoltori

Obiettivi

Stimolare una forte regolamentazione dell'UE sui pesticidi con obiettivi di riduzione applicabili per ogni paese dell'UE. Contrasta la lobby dell'industria chimica e dell'agricoltura industriale.

consultazione pubblica
Data precedente
Prossima data

La proposta della Commissione

La Commissione Ue propone una riduzione dell’uso dei pesticidi del 50% nel 2030. Ma lo stesso era già stato promesso nel 2009 e non ha funzionato.

Da allora, l’uso dei pesticidi è aumentato, non diminuito. Hanno anche promesso nel 2011 di eliminare gradualmente i pesticidi più tossici, ma quasi tutti sono ancora sul mercato.

La proposta di riduzione del 50% nel 2030 per queste sostanze chimiche è totalmente inaccettabile.

Devono essere vietate il prima possibile.

Maggiori informazioni qui

Cosa vogliamo

Puoi copiare e incollare (parte di) questo testo qui sotto, ma per favore introducilo con parole tue. E aggiungi o modifica come preferisci)
L’uso massiccio di pesticidi ha un effetto devastante sulla biodiversità ed è una seria minaccia per la nostra salute, acqua, aria e suolo. Minaccia seriamente la nostra sicurezza alimentare, il nostro clima e la biodiversità. Per dare un futuro ai nostri figli e alle prossime generazioni, abbiamo urgente bisogno di un cambio di paradigma nell’agricoltura e nel modo in cui trattiamo il nostro ambiente, utilizzando pratiche agroecologiche per iniziare a lavorare con la natura, piuttosto che contro di essa.
L’iniziativa dei cittadini europei Salva le api e gli agricoltori accoglie con favore la proposta della Commissione europea di ridurre l’uso di pesticidi nell’UE. Tuttavia, la proposta è troppo debole per raggiungere il necessario cambiamento in agricoltura: non c’è tempo per le mezze misure!
Una riduzione del 50% entro il 2030 non è sufficiente e chiediamo a Commissione Europea, Consiglio e Parlamento di essere molto più ambiziosi. I sistemi di produzione alimentare agroecologici aumentano le rese, proteggendo la salute, la biodiversità. L’implementazione di IPM di alto livello consente di ridurre i pesticidi di oltre l’80% in pochi anni.
Le pratiche agroecologiche portano a un aumento della biodiversità e della fertilità del suolo, a una migliore resilienza alla siccità e all’eliminazione dei costi e della dipendenza da pesticidi e fertilizzanti sintetici. Il nuovo regolamento sull’uso sostenibile dei pesticidi dovrebbe garantire un collegamento diretto con la legge sul ripristino della natura e l’iniziativa del sistema alimentare sostenibile poiché tutti sono intrinsecamente collegati!
In linea con la richiesta di 1,2 milioni di cittadini che sostengono ECI Save Bees and Farmers, chiediamo all’UE di agire per:
1. Una riduzione dell’80% dei pesticidi sintetici entro il 2030, con un sistema che premia gli agricoltori per il lavoro con la natura (finanziamento PAC). Non siamo d’accordo con le scappatoie create in modo che alla fine alcuni Stati membri riducano il loro obiettivo nazionale al 35%, senza apportare modifiche sostanziali alle pratiche agricole.
2. Un bando totale dei pesticidi più tossici (i.e. i “Candidati alla sostituzione”) entro il 2030: le alternative esistono, questi pesticidi dovrebbero essere banditi subito!
3. Il regolamento dovrebbe includere una visione a più lungo termine, con l’eliminazione completa dei pesticidi sintetici entro il 2035. I piani d’azione nazionali dovrebbero essere soggetti all’approvazione della Commissione e dovrebbero essere previste sanzioni per quegli Stati membri che non raggiungono gli obiettivi.
4. I principi di base dell’IPM dovrebbero diventare obbligatori. L’IPM dovrebbe essere molto ben definito. Ad esempio, la rotazione delle colture di 5 anni dovrebbe diventare la norma per ridurre drasticamente la pressione dei parassiti.
5. Il regolamento SUR dovrebbe anche indicare cosa non è IPM: irrorazione aerea, rivestimento di semi con pesticidi, nuove tecniche genomiche e applicazione di pesticidi con la cosiddetta “tecnologia di precisione” non dovrebbero essere considerati IPM in quanto non mirano a ridurre la dipendenza degli agricoltori dai pesticidi.
6. L’uso di pesticidi dovrebbe essere consentito solo come ultima risorsa e solo dopo che i metodi preventivi, meccanici e biologici non hanno raggiunto il risultato desiderato. Questo dovrebbe essere documentato dagli agricoltori e controllato dalle autorità pubbliche.
7. Un minimo del 10% dei terreni incolti per la natura conserverà risorse preziose e aiuterà a combattere i parassiti, consentendo ai predatori naturali di svilupparsi in queste aree.
8. La proposta della Commissione Europea di una zona cuscinetto non trattata di 3 m in prossimità di aree sensibili e corsi d’acqua è di gran lunga insufficiente. Devono essere impostate le zone tampone che portano a residui 0 al di fuori del campo.
9. Le falde acquifere dovrebbero essere protette meglio. Agli Stati membri, alle regioni e ai comuni dovrebbe essere data la possibilità di vietare i pesticidi sulle falde acquifere per proteggere l’acqua potabile.
10. Gli indicatori armonizzati sui pesticidi dovrebbero essere riesaminati, includendo meglio la loro tossicità, compresa quella per l’ambiente

  • Puoi copiare e incollare (parte di) questo testo qui sotto, ma per favore introducilo con parole tue. E aggiungi o modifica come preferisci)
    L’uso massiccio di pesticidi ha un effetto devastante sulla biodiversità ed è una seria minaccia per la nostra salute, acqua, aria e suolo. Minaccia seriamente la nostra sicurezza alimentare, il nostro clima e la biodiversità. Per dare un futuro ai nostri figli e alle prossime generazioni, abbiamo urgente bisogno di un cambio di paradigma nell’agricoltura e nel modo in cui trattiamo il nostro ambiente, utilizzando pratiche agroecologiche per iniziare a lavorare con la natura, piuttosto che contro di essa.
    L’iniziativa dei cittadini europei Salva le api e gli agricoltori accoglie con favore la proposta della Commissione europea di ridurre l’uso di pesticidi nell’UE. Tuttavia, la proposta è troppo debole per raggiungere il necessario cambiamento in agricoltura: non c’è tempo per le mezze misure!
    Una riduzione del 50% entro il 2030 non è sufficiente e chiediamo a Commissione Europea, Consiglio e Parlamento di essere molto più ambiziosi. I sistemi di produzione alimentare agroecologici aumentano le rese, proteggendo la salute, la biodiversità. L’implementazione di IPM di alto livello consente di ridurre i pesticidi di oltre l’80% in pochi anni.
    Le pratiche agroecologiche portano a un aumento della biodiversità e della fertilità del suolo, a una migliore resilienza alla siccità e all’eliminazione dei costi e della dipendenza da pesticidi e fertilizzanti sintetici. Il nuovo regolamento sull’uso sostenibile dei pesticidi dovrebbe garantire un collegamento diretto con la legge sul ripristino della natura e l’iniziativa del sistema alimentare sostenibile poiché tutti sono intrinsecamente collegati!
    In linea con la richiesta di 1,2 milioni di cittadini che sostengono ECI Save Bees and Farmers, chiediamo all’UE di agire per:
    1. Una riduzione dell’80% dei pesticidi sintetici entro il 2030, con un sistema che premia gli agricoltori per il lavoro con la natura (finanziamento PAC). Non siamo d’accordo con le scappatoie create in modo che alla fine alcuni Stati membri riducano il loro obiettivo nazionale al 35%, senza apportare modifiche sostanziali alle pratiche agricole.
    2. Un bando totale dei pesticidi più tossici (i.e. i “Candidati alla sostituzione”) entro il 2030: le alternative esistono, questi pesticidi dovrebbero essere banditi subito!
    3. Il regolamento dovrebbe includere una visione a più lungo termine, con l’eliminazione completa dei pesticidi sintetici entro il 2035. I piani d’azione nazionali dovrebbero essere soggetti all’approvazione della Commissione e dovrebbero essere previste sanzioni per quegli Stati membri che non raggiungono gli obiettivi.
    4. I principi di base dell’IPM dovrebbero diventare obbligatori. L’IPM dovrebbe essere molto ben definito. Ad esempio, la rotazione delle colture di 5 anni dovrebbe diventare la norma per ridurre drasticamente la pressione dei parassiti.
    5. Il regolamento SUR dovrebbe anche indicare cosa non è IPM: irrorazione aerea, rivestimento di semi con pesticidi, nuove tecniche genomiche e applicazione di pesticidi con la cosiddetta “tecnologia di precisione” non dovrebbero essere considerati IPM in quanto non mirano a ridurre la dipendenza degli agricoltori dai pesticidi.
    6. L’uso di pesticidi dovrebbe essere consentito solo come ultima risorsa e solo dopo che i metodi preventivi, meccanici e biologici non hanno raggiunto il risultato desiderato. Questo dovrebbe essere documentato dagli agricoltori e controllato dalle autorità pubbliche.
    7. Un minimo del 10% dei terreni incolti per la natura conserverà risorse preziose e aiuterà a combattere i parassiti, consentendo ai predatori naturali di svilupparsi in queste aree.
    8. La proposta della Commissione Europea di una zona cuscinetto non trattata di 3 m in prossimità di aree sensibili e corsi d’acqua è di gran lunga insufficiente. Devono essere impostate le zone tampone che portano a residui 0 al di fuori del campo.
    9. Le falde acquifere dovrebbero essere protette meglio. Agli Stati membri, alle regioni e ai comuni dovrebbe essere data la possibilità di vietare i pesticidi sulle falde acquifere per proteggere l’acqua potabile.
    10. Gli indicatori armonizzati sui pesticidi dovrebbero essere riesaminati, includendo meglio la loro tossicità, compresa quella per l’ambiente


    Puoi copiare e incollare (parte di) questo testo qui sotto, ma per favore introducilo con parole tue. E aggiungi o modifica come preferisci) L'uso massiccio di pesticidi ha un effetto devastante sulla biodiversità ed è una seria minaccia per la nostra salute, acqua, aria e suolo. Minaccia seriamente la nostra sicurezza alimentare, il nostro clima e la biodiversità. Per dare un futuro ai nostri figli e alle prossime generazioni, abbiamo urgente bisogno di un cambio di paradigma nell'agricoltura e nel modo in cui trattiamo il nostro ambiente, utilizzando pratiche agroecologiche per iniziare a lavorare con la natura, piuttosto che contro di essa. L'iniziativa dei cittadini europei Salva le api e gli agricoltori accoglie con favore la proposta della Commissione europea di ridurre l'uso di pesticidi nell'UE. Tuttavia, la proposta è troppo debole per raggiungere il necessario cambiamento in agricoltura: non c'è tempo per le mezze misure! Una riduzione del 50% entro il 2030 non è sufficiente e chiediamo a Commissione Europea, Consiglio e Parlamento di essere molto più ambiziosi. I sistemi di produzione alimentare agroecologici aumentano le rese, proteggendo la salute, la biodiversità. L'implementazione di IPM di alto livello consente di ridurre i pesticidi di oltre l'80% in pochi anni. Le pratiche agroecologiche portano a un aumento della biodiversità e della fertilità del suolo, a una migliore resilienza alla siccità e all'eliminazione dei costi e della dipendenza da pesticidi e fertilizzanti sintetici. Il nuovo regolamento sull'uso sostenibile dei pesticidi dovrebbe garantire un collegamento diretto con la legge sul ripristino della natura e l'iniziativa del sistema alimentare sostenibile poiché tutti sono intrinsecamente collegati! In linea con la richiesta di 1,2 milioni di cittadini che sostengono ECI Save Bees and Farmers, chiediamo all'UE di agire per: 1. Una riduzione dell'80% dei pesticidi sintetici entro il 2030, con un sistema che premia gli agricoltori per il lavoro con la natura (finanziamento PAC). Non siamo d'accordo con le scappatoie create in modo che alla fine alcuni Stati membri riducano il loro obiettivo nazionale al 35%, senza apportare modifiche sostanziali alle pratiche agricole. 2. Un bando totale dei pesticidi più tossici (i.e. i "Candidati alla sostituzione") entro il 2030: le alternative esistono, questi pesticidi dovrebbero essere banditi subito! 3. Il regolamento dovrebbe includere una visione a più lungo termine, con l'eliminazione completa dei pesticidi sintetici entro il 2035. I piani d'azione nazionali dovrebbero essere soggetti all'approvazione della Commissione e dovrebbero essere previste sanzioni per quegli Stati membri che non raggiungono gli obiettivi. 4. I principi di base dell'IPM dovrebbero diventare obbligatori. L'IPM dovrebbe essere molto ben definito. Ad esempio, la rotazione delle colture di 5 anni dovrebbe diventare la norma per ridurre drasticamente la pressione dei parassiti. 5. Il regolamento SUR dovrebbe anche indicare cosa non è IPM: irrorazione aerea, rivestimento di semi con pesticidi, nuove tecniche genomiche e applicazione di pesticidi con la cosiddetta "tecnologia di precisione" non dovrebbero essere considerati IPM in quanto non mirano a ridurre la dipendenza degli agricoltori dai pesticidi. 6. L'uso di pesticidi dovrebbe essere consentito solo come ultima risorsa e solo dopo che i metodi preventivi, meccanici e biologici non hanno raggiunto il risultato desiderato. Questo dovrebbe essere documentato dagli agricoltori e controllato dalle autorità pubbliche. 7. Un minimo del 10% dei terreni incolti per la natura conserverà risorse preziose e aiuterà a combattere i parassiti, consentendo ai predatori naturali di svilupparsi in queste aree. 8. La proposta della Commissione Europea di una zona cuscinetto non trattata di 3 m in prossimità di aree sensibili e corsi d'acqua è di gran lunga insufficiente. Devono essere impostate le zone tampone che portano a residui 0 al di fuori del campo. 9. Le falde acquifere dovrebbero essere protette meglio. Agli Stati membri, alle regioni e ai comuni dovrebbe essere data la possibilità di vietare i pesticidi sulle falde acquifere per proteggere l'acqua potabile. 10. Gli indicatori armonizzati sui pesticidi dovrebbero essere riesaminati, includendo meglio la loro tossicità, compresa quella per l'ambiente
  • passo 1
  • passo 2
  • passo 3

Io prendo azione!

La consultazione è terminata.

  • passo 1
  • passo 2
  • passo 3

Avete partecipato alla consultazione? Raccontateci:

En complétant ce formulaire, vous acceptez que Shake ton politique, responsable de traitement, traite vos données personnelles pour vous permettre de recevoir des informations et actualités. Pour en savoir plus sur vos droits et nos pratiques en matière de protection de vos données personnelles : mentions légales

  • passo 1
  • passo 2
  • passo 3

Grazie per aver trovato il tempo per partecipare

"Scuoti i tuoi politici" conta su di te!