Consultations

Partecipa alla consultazione pubblica: "Uso sostenibile dei pesticidi - revisione delle norme dell'UE"

Completato

Date di partecipazione

  • Dal
  • al
  • 40 Contribuzioni

Contesto

La legge europea sull'uso sostenibile dei pesticidi (direttiva SUD) mira a proteggere la salute umana e l'ambiente dai possibili rischi e impatti dei pesticidi, rendendo obbligatorio per gli Stati membri ridurre la loro dipendenza dai pesticidi.
Diverse valutazioni, anche da parte della stessa Commissione europea, mostrano che gli Stati membri non hanno fissato alcun obiettivo di riduzione dei pesticidi come richiesto dalla legge. Eppure, la Commissione europea non ha intrapreso azioni legali contro di loro per la mancanza di attuazione.
Mentre la SUD non ha dato risultati, le alternative ai pesticidi sono già utilizzate con successo in diversi paesi dell'UE. Non solo è possibile costruire gradualmente un modello agricolo esente da pesticidi dannosi, ma è di fatto un'emergenza e, nel tempo, una scelta efficiente dal punto di vista dei costi.

Obiettivi

Costringere gli Stati membri a elaborare piani d'azione nazionali con obiettivi concreti per ridurre significativamente l'uso di pesticidi nei prossimi anni.
Trasformare l'obiettivo del 50% di riduzione dell'uso di pesticidi fissato dalla strategia "Farm to Fork" e l'ambizione del Green Deal europeo in una legge applicabile.

Periodo di feedback: 18 gennaio 2021 - 12 aprile 2021 (mezzanotte ora di Bruxelles)
La Commissione europea mira ad adottare una nuova proposta di regolamento per il primo trimestre del 2022.
Data precedente
Prossima data

L'UE offre attualmente

Come parte della revisione in corso della direttiva sull’uso sostenibile dei pesticidi (SUD), la Commissione europea ha lanciato una consultazione pubblica online per scoprire cosa pensano i cittadini e le organizzazioni europee sull’uso dei pesticidi nell’UE e se dovrebbe essere perseguito in futuro. Le risposte saranno prese in considerazione per rivedere la SUD e considerare le opzioni che potrebbero aiutare a raggiungere gli obiettivi della strategia Farm to Fork e del Green Deal europeo.

Cosa vogliamo

Gli Stati membri devono ridurre veramente la loro dipendenza dai pesticidi e proteggere la salute pubblica e l’ambiente. Nel suo sondaggio di consultazione pubblica, la Commissione europea elenca diverse misure che sono già contemplate dalla legge dell’UE, così come alcune opzioni legali per il futuro.

  1. Alle seguenti domande del sondaggio di consultazione pubblica dell’UE: “Quanto sono importanti, secondo lei, le seguenti questioni per le future politiche dell’UE sull’uso sostenibile dei pesticidi?”

– Applicazione della direttiva esistente, per esempio attraverso controlli più frequenti da parte della Commissione negli Stati membri, e azioni legali in caso di non conformità,

– Introduzione di misure economiche (per esempio tasse, aumento dei prezzi) per riflettere il vero costo dell’impatto negativo dei pesticidi in termini di esternalità (per esempio sulla qualità dell’acqua, sulla salute umana e sulla biodiversità) sui prezzi,

– Introduzione e applicazione di misure per proteggere l’ambiente acquatico e l’acqua potabile,

– Restrizioni sull’uso dei pesticidi in alcune aree pubbliche come i parchi, le riserve naturali e altre.

Misure come: la formazione e l’orientamento per gli utilizzatori di pesticidi, l’educazione dei cittadini europei sui rischi e i potenziali effetti nocivi dell’uso dei pesticidi o la fiducia nelle nuove tecnologie e nell’innovazione come l’agricoltura di precisione non saranno in grado di soddisfare i requisiti della direttiva SUD né di incoraggiare la transizione verso un modello più ecologico di agricoltura di cui l’UE ha disperatamente bisogno

2. Alla seguente domanda: “Secondo voi quanto sarebbero efficaci le seguenti opzioni per ridurre l’uso e il rischio dei pesticidi chimici nell’UE”, queste sono le misure che riteniamo più efficaci:

– Introduzione di incentivi economici e stimoli per l’applicazione della gestione integrata dei parassiti da parte degli utilizzatori di pesticidi e di altri metodi alternativi per la gestione dei parassiti,

– Promozione ed espansione dell’agricoltura biologica nell’UE,

– Rafforzamento della supervisione della Commissione sull’attuazione dei piani d’azione nazionali degli Stati membri sull’uso sostenibile dei pesticidi, comprese le sanzioni per le prestazioni insufficienti,

– Aumento del prezzo dei pesticidi chimici più pericolosi per scoraggiare e ridurre il loro uso.

Consideriamo di minore importanza misure come: l’introduzione di un’etichettatura più dettagliata o di codici colore sulle confezioni dei pesticidi per informare gli utenti e gli acquirenti dei pericoli, la definizione di regole più severe per l’uso, la manipolazione e lo smaltimento dei pesticidi, compreso il riciclaggio dei contenitori vuoti o la limitazione dell’accesso dei privati ai pesticidi chimici più pericolosi.

  • Gli Stati membri devono ridurre veramente la loro dipendenza dai pesticidi e proteggere la salute pubblica e l’ambiente. Nel suo sondaggio di consultazione pubblica, la Commissione europea elenca diverse misure che sono già contemplate dalla legge dell’UE, così come alcune opzioni legali per il futuro.

    1. Alle seguenti domande del sondaggio di consultazione pubblica dell’UE: “Quanto sono importanti, secondo lei, le seguenti questioni per le future politiche dell’UE sull’uso sostenibile dei pesticidi?”

    – Applicazione della direttiva esistente, per esempio attraverso controlli più frequenti da parte della Commissione negli Stati membri, e azioni legali in caso di non conformità,

    – Introduzione di misure economiche (per esempio tasse, aumento dei prezzi) per riflettere il vero costo dell’impatto negativo dei pesticidi in termini di esternalità (per esempio sulla qualità dell’acqua, sulla salute umana e sulla biodiversità) sui prezzi,

    – Introduzione e applicazione di misure per proteggere l’ambiente acquatico e l’acqua potabile,

    – Restrizioni sull’uso dei pesticidi in alcune aree pubbliche come i parchi, le riserve naturali e altre.

    Misure come: la formazione e l’orientamento per gli utilizzatori di pesticidi, l’educazione dei cittadini europei sui rischi e i potenziali effetti nocivi dell’uso dei pesticidi o la fiducia nelle nuove tecnologie e nell’innovazione come l’agricoltura di precisione non saranno in grado di soddisfare i requisiti della direttiva SUD né di incoraggiare la transizione verso un modello più ecologico di agricoltura di cui l’UE ha disperatamente bisogno

    2. Alla seguente domanda: “Secondo voi quanto sarebbero efficaci le seguenti opzioni per ridurre l’uso e il rischio dei pesticidi chimici nell’UE”, queste sono le misure che riteniamo più efficaci:

    – Introduzione di incentivi economici e stimoli per l’applicazione della gestione integrata dei parassiti da parte degli utilizzatori di pesticidi e di altri metodi alternativi per la gestione dei parassiti,

    – Promozione ed espansione dell’agricoltura biologica nell’UE,

    – Rafforzamento della supervisione della Commissione sull’attuazione dei piani d’azione nazionali degli Stati membri sull’uso sostenibile dei pesticidi, comprese le sanzioni per le prestazioni insufficienti,

    – Aumento del prezzo dei pesticidi chimici più pericolosi per scoraggiare e ridurre il loro uso.

    Consideriamo di minore importanza misure come: l’introduzione di un’etichettatura più dettagliata o di codici colore sulle confezioni dei pesticidi per informare gli utenti e gli acquirenti dei pericoli, la definizione di regole più severe per l’uso, la manipolazione e lo smaltimento dei pesticidi, compreso il riciclaggio dei contenitori vuoti o la limitazione dell’accesso dei privati ai pesticidi chimici più pericolosi.

  • passo 1
  • passo 2
  • passo 3

Io prendo azione!

La consultazione è terminata.

  • passo 1
  • passo 2
  • passo 3

Avete partecipato alla consultazione? Raccontateci:

En complétant ce formulaire, vous acceptez que Shake ton politique, responsable de traitement, traite vos données personnelles pour vous permettre de recevoir des informations et actualités. Pour en savoir plus sur vos droits et nos pratiques en matière de protection de vos données personnelles : mentions légales

  • passo 1
  • passo 2
  • passo 3

Grazie per aver trovato il tempo per partecipare

"Scuoti i tuoi politici" conta su di te!